8 Gennaio 2024

EYF - Contributi per azioni pilota volte ad affrontare le sfide dei giovani a livello locale 2024

Contributo

.

Data Inizio

.

Data Scadenza

.

EYF Azioni Pilota 2024

Il bando ha il fine di sostenere azioni pilota che affrontino le esigenze o le sfide dei giovani a livello locale. Le azioni poste in essere dovranno avere un chiaro legame con il contesto locale e rientrare nei valori e nel lavoro del Consiglio d'Europa, così come nelle priorità del settore giovanile per il periodo 2022-25. Tra le cinque priorità del settore giovanile per il periodo 2022-2025, solo le prime quattro riguardano i programmi di sovvenzione dell'EYF, ossia:

  • Priorità 1 - Rivitalizzare la democrazia pluralistica;
  • Priorità 2 - L’accesso dei giovani ai diritti;
  • Priorità 3 - Vivere insieme in società pacifiche e inclusive;
  • Priorità 4 - Lavoro giovanile.

Interventi ammissibili

Le attività pilota possono essere strutturate utilizzando una serie di approcci, come: sessioni di formazione, incontri con esperti, laboratori locali, azioni locali, visite, campagne, laboratori nelle scuole, festival ecc. Una caratteristica essenziale di un'attività pilota è l'elemento educativo - l'EYF sostiene progetti educativi, utilizzando un approccio non formale.

Le attività pilota possono essere:

  • attività di sensibilizzazione;
  • attività di sviluppo delle competenze;
  • attività lavoro in team.

Per i progetti che iniziano nel 2024, le sottopriorità sono:

Priorità 1: Rilanciare la democrazia pluralistica

  • Sostenere il diritto dei giovani di esercitare il loro diritto di riunione e di formare, aderire ed essere attivi nelle associazioni, ampliare lo spazio per lo sviluppo delle organizzazioni civili giovanili e promuovere la partecipazione dei giovani ai processi politici, eliminando le disuguaglianze economiche e le ingiustizie nella partecipazione politica dei giovani
  • Comprendere l'impatto dell'intelligenza artificiale e sostenere la partecipazione dei giovani ai processi di governance dell'intelligenza artificiale e di Internet
  • Attuazione della Carta europea riveduta sulla partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale, sviluppando la capacità delle organizzazioni giovanili di facilitare la partecipazione dei giovani ai processi decisionali a livello locale, con particolare attenzione ai giovani delle zone rurali, delle minoranze o dei gruppi vulnerabili
  • Comprendere e affrontare l'impatto della crisi climatica e del degrado ambientale sui giovani e sulla democrazia; affrontare il diritto dei giovani a beneficiare di un ambiente sano

Priorità 2: Accesso dei giovani ai diritti 

  • Attuazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/Rec(2016)7 sull'accesso dei giovani ai diritti.
  • Attuazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/Rec(2015)3 sull'accesso dei giovani provenienti da quartieri svantaggiati ai diritti sociali (Raccomandazione ENTER!).
  • Educazione ai diritti umani con i giovani (proseguimento del Programma di educazione ai diritti umani per i giovani).
  • Alfabetizzazione all'informazione, ai dati e ai media con i bambini e i giovani.
  • Garantire una maggiore attenzione alla salute e al benessere mentale, affrontando l'impatto della pandemia di Covid-19 sui giovani e la necessità di fornire servizi di salute mentale gratuiti e accessibili, con un approccio intersezionale.
  • Introdurre ulteriormente gli approcci basati sui diritti nelle politiche, nei programmi e nei progetti per i giovani.

Priorità 3: Vivere insieme in società pacifiche e inclusive

  • Combattere tutte le forme di discriminazione, razzismo ed esclusione, comprese quelle strutturali, con particolare attenzione a: partecipazione dei giovani rom e lotta all'antiziganismo; inclusione sociale dei giovani rifugiati e la loro transizione dall'infanzia all'età adulta; la discriminazione multipla e l'intersezionalità
  • Consentire ai giovani di promuovere società pacifiche offrendo loro l'opportunità di svolgere un ruolo attivo nel Dialogo interculturale, costruzione della pace e trasformazione dei conflitti e nella Cooperazione con le regioni limitrofe e con altre regioni del mondo
  • Migliorare l'inclusione e la partecipazione dei giovani nelle comunità rurali
  • Promuovere l'accesso a servizi di qualità per la salute mentale e il benessere, nonché le opportunità di sviluppo personale per i giovani rifugiati e per tutti i giovani che vivono e provengono da zone di guerra, con particolare attenzione ai giovani che devono affrontare molteplici forme di discriminazione

Priorità 4: Lavoro con i giovani 

  • Diffusione e attuazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/Rec(2017)4 sull'animazione giovanile e promozione di un'agenda europea per l'animazione giovanile
  • Sviluppo della qualità e riconoscimento dell'animazione giovanile e dell'istruzione e apprendimento non formale
  • Perseguire lo sviluppo della qualità e l'innovazione (compresa la digitalizzazione) nelle attività di sviluppo delle capacità
  • Sviluppare misure di sostegno al lavoro giovanile nelle zone di guerra e di conflitto, al fine di rafforzare la capacità degli operatori giovanili di aiutare i giovani che vivono in tali zone

I progetti possono riguardare anche altre tematiche purchè queste siano connesse alle priorità 2022-25 definite dal Consiglio di Europa per il settore gioventù.

La durata massima di un progetto di attività pilota può essere di un anno. Il progetto deve iniziare almeno 3 mesi dopo la scadenza.

Beneficiari

Possono partecipare:

  • Reti regionali di ONG giovanili;
  • ONG giovanili nazionali;
  • ONG giovanili locali.

Per essere considerate "giovanili", le organizzazioni devono:

  • avere una struttura decisionale composta da giovani;
  • avere una prevalenza di membri giovani;
  • svolgere attività e progetti per i giovani e con i giovani.

Le azioni locali possono essere realizzate da ONG/reti internazionali come parte del loro piano di lavoro e in cooperazione con le ONG locali.

Ogni ONG potrà presentare una sola candidatura. Per presentare una candidatura è necessario essere registrati sul portale di EYF, la registrazione può essere effettuata in qualsiasi momento.

Budget

La sovvenzione massima disponibile per un'attività pilota è di 15.000 Euro.

Cofinanziamento: 100%

Anticipo: 80%

Come possiamo aiutarti?

1

CERCHIAMO

TI affianchiamo nella ricerca di strumenti finanziari adeguati ai tuoi programmi di sviluppo e investimento.

2

CURIAMO

Curiamo progettazione e presentazione delle domande di finanziamento, per assicurarci il migliore accesso possibile, alle linee di finanza agevolata.

3

COMPLETIAMO

Ci occupiamo di tutte le fasi di gestione, rendicontazione e monitoraggio finale dei contributi ottenuti, garantendo un servizio completo e personalizzato.

Contatta un Consulente

Contata uno dei nostri professionisti e scopri come possiamo assistere la tua Azienda.
Contattaci
apartmentlicenserocketcrossmenucross-circle